Chi siamo

Ogni bambino sogna di diventare da grande un calciatore e questa grande passione vive e si alimenta perchè ognuno di noi nel gioco ritrova la sua vera dimensione.La Scuola Calcio della Boreale vuole rispettare questo desiderio, non deluderlo od avvilirlo perché solo attraverso una metodologia che parte dal rispetto del bambino e delle sue motivazioni possiamo aiutarlo a diventare grande. Il calcio se strumento educativo può diventare un vettore di crescita che di pari passo deve condividere sia quella umana che quella tecnica. Il bambino viene da noi perché attraverso i nostri insegnanti, che prima di essere allenatori sono educatori, trova un ambiente ricco di stimoli che vanno di pari passo dall’insegnare come si dribbla un avversario, a rispettare e aiutare un compagno che nel corso della partita si trova in difficoltà. Si avverte l’esigenza di tornare a un calcio più pulito, più vicino alla dimensione ludica tipica  della natura del bambino e in questo progetto i genitori devono essere degli alleati valorizzando più gli aspetti etici che la pratica sportiva condivide, piuttosto che vedere nel proprio figlio un piccolo campione. Nella nostra Scuola  il bambino troverà un ambiente dove potrà misurarsi in un sano agonismo e imparare attraverso la pratica sportiva le regole del vivere comune. I nostri programmi realizzati da tecnici di calcio che nella loro scelta professionale hanno optato per l’insegnamento,si basano su contenuti che hanno come obiettivo generale sì la qualificazione tecnica, ma anche la formazione di un bambino capace di superare le avversità, di accettare le delusione, di rispettare gli altri e di sapersi valutare serenamente.

pic1   

La nostra storia

passi-400px

Enzo Passi è stato lo storico Presidente della U.S. Boreale.Figura carismatica e trascinante, uomo solo apparentemente burbero e dotato di un’ironia pungente ma mai offensiva, persona diretta, affabile e generosa, Enzo fin da bambino, insieme a suo padre e a suo fratello, frequentava la parrocchia di Ponte Milvio, dove venne in contatto con l’Unione Sportiva Boreale, la società di calcio fondata nel 1946 per iniziativa di Don Marino Marani, il sacerdote marchigiano che era fermamente e giustamente convinto che l’attività sportiva potesse dare un grande contributo alla crescita morale e spirituale della gioventù. Dopo aver militato tanti anni come calciatore nella Boreale, cominciò ad occuparsi dell’organizzazione della squadra,avendo maturato l’idea e la convinzione che non si trattava solo di “dar quattro calci ad un pallone”, ben consapevole del fatto che il calcio non era soltanto un gioco o un semplice svago, ma che, invece, rappresentava un fortissimo motivo di aggregazione per i giovani e un antidoto efficace contro le oscurità e le trappole dell’esistenza. Enzo divenne presidente della Boreale nel 1966, valorizzando sempre la preziosa eredità lasciata da Don Marino.

E’ stato il punto di riferimento per decine e decine di giovani che in lui trovavano un educatore scanzonato ed attento, una figura autorevole e spassosa, un uomo onesto e disponibile.Con la sua naturalezza ed il suo modo di fare spontaneo, Enzo Passi divenne negli anni una celebrità riconosciuta ed apprezzata nel suo amatissimo quartiere e nel mondo del calcio giovanile: una risata, un’occhiata penetrante ed una battuta fulminante erano per tutti, nessuno escluso.

grazie ENZO

 

Autenticazione